info@fundaciondonalucia.org Mob. +39 331 4430532

Seleziona la lingua

Blog

17

MAR

Aggiornamento - Progetto Scuole

 

Per l’ottavo anno consecutivo abbiamo distribuito il materiale scolastico, necessario per il ciclo primario della scuola dell’obbligo, a oltre duemila bambini che vivono in aree rurali e che non potrebbero godere del fondamentale diritto all’istruzione a causa della scarsità di mezzi a disposizione delle loro famiglie.

Attualmente sono 40 le scuole nelle quali abbiamo consegnato a ogni bambino uno zainetto con tre penne, una matita, una gomma, un temperamatite, un quaderno da cento fogli e un raccoglitore da altri cento fogli, il tutto per un valore di 5 €. Ai bambini più piccoli abbiamo dato anche una mantellina impermeabile, costata 3 €, per ripararsi durante la stagione delle piogge: le scuole distano da una a tre ore di strada da percorrere a piedi.

Sono già numerose le nuove richieste fatte da insegnanti, presidi e genitori per il prossimo anno scolastico: speriamo di riuscire a soddisfarle tutte, come abbiamo sempre fatto grazie alle numerose donazioni da parte di singoli, alle iniziative solidali organizzate da scuole e gruppi parrocchiali e all’impegno di tante persone che, in modi diversi, si rendono disponibili a far conoscere e a sostenere i nostri progetti.

Un contributo significativo è dato dalla vendita di quasi 1.000 calendari fotografici che, anche quest’anno, hanno riscosso grande successo.

Il Progetto Scuole è supportato, inoltre, dalla partecipazione a manifestazioni che prevedono la presenza di mercatini dove facciamo conoscere l’artigianato boliviano. I prossimi appuntamenti saranno a Valdobbiadene, la domenica prima di Pasqua, all’Artigianato vivo di Cison nel mese di agosto, in ottobre alla Festa del volontariato di Valdobbiadene e alla Fiera di Arsego (PD) nel mese di novembre.

All’interno del progetto, sin dall’inizio, è stata fatta la proposta agli insegnanti di entrambi i paesi di avviare uno scambio epistolare tra bambini italiani e boliviani, così da stimolare la conoscenza verso realtà geografiche e sociali diverse, la solidarietà e l’apertura all’altro da sé. Sono ormai 18 le classi che partecipano a questa iniziativa, con ottimi risultati sia nell’apprendimento che nell’educazione ai valori universali.